I MUDRA E LE ASANA SUFI

ESERCIZI PER LA CANTILLAZIONE DEL CUORE

ESERCIZI FISICI PER IL RISTABILIMENTO DELL’ARMONIA NELL’ORGANISMO

Raccomandazioni generali per l’esecuzione degli esercizi

 

Questi esercizi non sono solo una pratica fisica, sebbene esteriormente possano sembrare. Quotidianamente compiamo i medesimi movimenti cui partecipano gli stessi muscoli con le annesse articolazioni. Il significato degli esercizi Sufi riabilitanti consiste nel colmare la mancanza di un'attività fisica. Eseguendoli, dovete rispettare una serie di condizioni. Primo, bisogna rendersi conto del proprio operato. Consci, rivolgete un'attenzione favorevole; in altre parole inviate dei sentimenti buoni, verso qualsiasi organo del corpo. L'energia buona è indirizzata laddove si dirige la vostra attenzione. Ecco perché la ginnastica tradizionale in cui i vostri pensieri divagano, arreca pochi profitti, e può essere perfino dannosa. Se qualcuno esegue una serie di flessioni con le gambe, e allo stesso tempo pensa ad un litigio avvenuto con i colleghi al lavoro, dove va tutta la dannosa energia negativa? Si addensa nell’articolazione del ginocchio. E poi ci stupiamo se le gambe troppo allenate si stirino, o si tendano facilmente, o se il menisco si ammali o sia leso nella peggiore delle ipotesi. Sicché, consapevoli delle sensazioni dell'organismo, da un lato impariamo a conoscere il nostro corpo più da vicino; dall'altro lato, armonizziamo la sua attività grazie ad un atteggiamento positivo. Non è necessario ripetere la stessa sequenza di movimenti ogni giorno: cambiate il loro ordine d’esecuzione, seguendo l'intuizione!

In secondo luogo, atteniamoci al seguente precetto: “Sforzarsi inspirando, rilassarsi espirando.” Se questa regola è infranta, l'attività dell'organismo sarà perturbata, violata. Inspirando, mobilizziamo il corpo, ma quando espiriamo, assicuriamoci del massimo rilassamento. Allo sforzo partecipano tutti i gruppi muscolari, e non solo quelli direttamente collegati all'esecuzione degli esercizi specifici.

L'energia possiede la proprietà della pulsazione. Tutto attorno pulsa: respiro, battiti, contrazioni e distensioni. L'auto-rigenerazione è anche fondata sul principio del ristabilimento della libera pulsazione. Se la libera pulsazione è per un qualsiasi motivo impossibile (cioè, se l'energia è “ostruita”), vi è qualche problema. Il concetto è paragonabile al telefono cellulare che può ricevere solo le chiamate. Vi è pervenuto il messaggio, ma non potete inviarlo: il segnale non “passa.” Eseguendo gli esercizi fissati, stimolate la pulsazione, ma si necessita di pazienza, fermezza e disciplina.

Un mio corsista si lamentava per i dolori alla mano: non poteva lavorare al computer, né guidare l'automobile. Eseguendo regolarmente dei semplici esercizi di contrazione e decontrazione delle dita, ripristinò la corrente d'energia, e ben presto la mano si riprese.

Terzo. Ogni volta che si compiono gli esercizi, bisogna osservare i cambiamenti, i miglioramenti avvenuti, rendersi conto del vostro stato attuale: se riuscite ad elevarvi di qualche centimetro in più, o se su una scala di flessioni da zero a dieci, ne fate cinque, siete già a buon punto, e non a zero.

Quarto, concentratevi sugli esercizi che agiscono su quelle aree (dhikr) in cui risiedono i problemi, quelle “dolenti”, che sono le manifestazioni negative del nafs. Ad esse s’invia la maggior quantità d’energia positiva.

È essenziale prima dell'esecuzione degli esercizi avere (o generare) un buon umore, ringraziare l'intero mondo divino, ricordarsi di qualcosa di bello, gradevole, che vi riempia d'energia. Siate creativi! Dovete pensare che nella vostra vita ci furono molte gioie e piaceri, v’impediamo di pronunciare che non ne abbiate avuti, non mentite nemmeno a voi stessi. I Sufi definiscono questo stato positivo col termine di “mukashafa”, che può essere tradotto in “anticipazione della scoperta.” In questo stato la persona è completa. Avendo raggiunto l'integrità, inizia il cammino verso la guarigione, verso una vita completa e feconda.

Se non rispettate queste condizioni, è meglio che vi corichiate. Le persone comuni affermano di avere già molti “obblighi” da assolvere. Dicono: “Perché dovremmo aggiungercene altri?”

Gli esercizi possono eseguiti con l’ausilio della musica. In particolare, la raccomando alle persone anziane. Grazie ad essa possono facilmente riacquisire uno stato mukashafa purificato. Ma se appartenete a coloro che non riescono a concentrarsi (o se avete meno di 21 anni), per amor di Dio, non ascoltate la musica. Non utilizzatela.

Alcuni profumi migliorano l'umore durante l'esecuzione degli esercizi. L'entrata nello stato mukashafa è favorita dagli odori di muschio e dagli oli volatili. Questi odori Sufi furono selezionati da secoli.

Il criterio principale per l'efficacia degli esercizi, non è l’illusoria e piacevole sensazione di stanchezza che alcuni percepiscono dopo il primo esercizio, ma è la sua tensione massima senza che appaiano sensazioni di dolore e di malessere.

Attenzione! Se volete ottenere i massimi benefici dagli esercizi, attenetevi alla sequenza successiva. Dapprima leggete attentamente le descrizioni degli esercizi, e dopo eseguite i loro singoli movimenti. Poi, tentate di compiere l'esercizio senza l'aiuto del testo. Eseguitelo in maniera automatica, non meccanica. Cercate di comprendere ogni movimento del respiro! Dopo qualche tempo, riguardate di nuovo il testo, e controllate se fate tutto nel giusto modo. Siate scrupolosi, accurati. Eseguite al meglio l'esercizio. Rileggete e fatelo finché il suo  ricordo si fissi nel corpo. Successivamente, praticatelo per il ripristino della salute.

Volete sapere qual è il momento migliore della giornata per compiere gli esercizi col massimo profitto? Ricordatevi della vostra ora di nascita ed aggiungetele 8 ore. Se siete nati alle tre del pomeriggio, è preferibile che lo svolgimento degli esercizi sia alle 11 di sera. Se siete nati alle 2 del mattino, le 10 saranno il vostro orario ideale! Certi possono chiedersi: “E se il tempo d'esecuzione degli esercizi fosse la notte?” Che si sveglino e facciano gli esercizi a quell’ora. Se vi è impossibile, se la notte non fa per voi, fateli in mattinata, dopo il sorgere del sole.

Se siete occupati e non avete tempo per fare gli esercizi, eseguiteli tutte le mattine, cinque volte la settimana. L'orario ottimale è la vostra ora di nascita + 8 ore, cui va aggiunta un'altra ora (+ 1 ora) per qualche minuto di pratica respiratoria. È preferibile che l'orario ed il luogo degli esercizi rimanga sempre lo stesso. Se cambiate spesso postazione, dovete generare in voi la sensazione del vostro posto abituale.

Chi non conosce l'orario di nascita e non può rintracciarlo, deve eseguire l'esercizio durante la settimana in differenti momenti della giornata. Inoltre, bisognerebbe ricordarsi l'orario della giornata in cui avete abitualmente maggior vigore, il maggior afflusso di forze, il desiderio di agire.

Esercizi per le mani

Bisogna iniziare sempre gli esercizi con un training digitale. Dalle dita lungo tutto il corpo si separano delle linee energetiche. In Oriente, si ha l'abitudine di sgranare il rosario (tasbih). Vi è della saggezza in questo atto, in quanto siffatti movimenti equilibrano il sistema immunitario prevenendo l’origine delle malattie.

1. La pressione sulle punta delle dita della mano.

Le punta delle dita delle due mani sono unite, ma i palmi non si toccano. Questa “calotta” si trova a livello del plesso solare, le punta delle dita sono dirette verso l'alto. Inspiriamo, e solo quando espiriamo, premiamo le dita una contro le altre. La pressione deve essere forte, ma indolore! Sentite lo sforzo nella zona Sultano, più esattamente nelle tempie. Allentate la pressione. Inspirate, e dopo aver espirato ripetete l'esercizio. Fatelo parecchie volte.

Quest’esercizio aiuta ad attivare la zona Sultano e serve per prepararsi a lavorare con questa zona. Migliora la circolazione del sangue e lo stato generale della persona.

2. L'incollatura della punta delle dita delle mani.

La posizione di partenza è la stessa, come nell'esercizio precedente. Qui, solamente variano un po' le sensazioni. Nel momento in cui si sente il rilassamento, le punta delle dita “si incollano.” È una piacevole sensazione. La sentiamo nella zona Sultano.

3. La tensione nei palmi.

Uniamo i due palmi insieme e li disponiamo come negli esercizi 1 e 2 a livello del plesso solare, le punta delle dita sono dirette verso l’alto. Inspiriamo ed espiriamo. Durante l'inspirazione, col massimo sforzo, premiamo i palmi l'uno sull'altro. La schiena è dritta, avvertiamo lo sforzo nella zona Sultano. Espirando ci rilassiamo. Lo facciamo parecchie volte.

4. "L'incollatura" dei palmi.

Quest'esercizio è uguale per forma all'esercizio 2, la sola differenza risiede nelle sensazioni. Qui, percepiamo quel senso di “incollamento.” Espiriamo nuovamente, ed ancora sentiamo l'area Sultano.

5. Le basi delle dita della mani

p115-1.gif                     p115-2.gif

 

p115-3.gif                   p115-4.gif

 

p115-5.gif                           p115-6.gif

                                       p115-7.gif

I palmi sono uniti come nell'esercizio precedente. L'indice della mano sinistra con un certo sforzo discosta l'indice della mano destra (fig. 24) per quanto possibile. Poi, l'indice della mano destra discosta l’indice della mano sinistra. Le dita restano unite il più possibile e dritte. Ci sforziamo di tenere le altre dita unite in posizione verticale. Poi, bisogna fare quest’esercizio con tutte le altre dita sequenzialmente.

Questo movimento è indicato per la profilassi della poliartrite e contro i depositi di sale nelle giunture. Questa prevenzione è valida per tutti gli esercizi digitali.

 

6. La “Cresta”

 

 

 

 

 

 

 

 

 


7. “Freccia”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


8. “Palmo-pugno”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


9. Consecutiva flessione delle dita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Lo sfregamento dei polsi e delle mani

 

Prima di eseguire quest'esercizio ci si può “lavare” con l'aria, generando una sensazione primaverile. Com'è piacevole respirare! Afferriamo il polso della mano sinistra colla mano destra sfregandolo in senso anti-orario. Insieme a questo movimento ruotiamo la mano che è afferrata. Cambiamo le mani. Il senso di quest'esercizio è di armonizzare l'attività intestinale e del cuore, poiché secondo la medicina moderna sui palmi delle mani sono disposti dei punti associati a questi organi.

 

Hilal

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Sfregamento (massaggio) dei palmi.

 

Col pollice frizioniamo il centro del palmo dell'altra mano. Percepiamo delle sensazioni gradevoli nel palmo della mano. Strofiniamo il dorso della mano. Cambiamo le mani.

L'esecuzione di quest'esercizio ha un impatto sulle vene e sui vasi sanguigni che si rafforzano.

Non dovete supporre minimamente che questi semplici esercizi siano superflui, inutili. Questi esercizi eseguiti consapevolmente giovano ad altre pratiche. Il training digitale è una sorta di ritornello, un anello necessario tra le diverse fasi del lavoro quotidiano.

 

Lo scuotimento delle mani

 

p120-1.gif

 

                                    p120-2.gif           p120-3.gif

Com’è piacevole sentire la stanchezza dopo aver eseguito l'esercizio con successo. Scuotiamo le dita delle mani due-tre volte e mentalmente approviamo il nostro operato. Nello stesso tempo, muovendo le mani ci solleviamo prima sulle punte dei piedi, poi ridiscendiamo sui talloni. Sentiamo una vibrazione (Fig. 31).

 

Giriamo i pugni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dita malleabili (con flessione)

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Quest'esercizio è particolarmente consigliato alle persone anziane perché rafforza le articolazioni (Fig. 33).

 

Tasbih

 

p122-1.gif

Dal dito indice alla glabella

 

 

 

 

 

 


             

Dal dito medio al plesso solare

 

 

 

 

 

 

 


Dagli anulari alla 7ma vertebra toracica

 

 

 

 

 

 

 


Dai mignoli ai capezzoli

 

 

 

 

 

 

 


Piegamento consecutivo delle dita (nel trattamento a mani congiunte)

I palmi delle mani sono rivolti l’uno verso l’altro a livello del plesso solare e si trovano alla distanza di un grosso pesce. Gli occhi sono leggermente socchiusi. Pieghiamo gli indici verso i palmi, per quanto possibile, mentre manteniamo le restanti dita dritte. Al disopra degli indici appoggiamo i pollici che spingono sempre più forte  ad ogni inspirazione, mentre espirando ci rilassiamo. Lo facciamo 8 volte per ogni dito.

Quando lavoriamo coi diti indici l'attenzione è focalizzata sulla glabella; quando operiamo con i diti medi ci concentriamo sul plesso solare; mentre se massaggiamo gli anulari, tutta la nostra attenzione si focalizza sulla settima vertebra toracica. Lavorando con i mignoli, concentrarsi sui punti che una rogatina forma con i capezzoli (questa rogatina è il vertice della V capovolta che forma un triangolo con due dita, l’indice ed il medio. I capezzoli sono gli angoli alla base).

L'esercizio è eseguito per normalizzare la circolazione del sangue.

 

Massaggio dei piedi

 

p124-1.gif

 

Ci sediamo alla turca. Adesso allunghiamo la gamba destra in avanti, e colle mani adagiamo sopra il piede della gamba sinistra. Le dita delle mani massaggiano il piede, e con i pollici si inizia a frizionarlo, sgranchirlo. Cerchiamo i punti dolenti accordandogli una particolare attenzione. "Percorriamo" tutto il piede con amore studiando la sua forma, "frizioniamo" letteralmente con amore i piedi. Proviamo una piacevole sensazione.

 

p124-2.gif

 

Coloro che non possono accomodare il piede sulla gamba, si avvicinino a questa posizione per quanto possibile, e massaggino il piede nella posa che sono in grado di raggiungere. Chi non può restare seduto a terra, ed ha la tendenza a cadere, può, nei primi tempi, appoggiare la schiena al muro, a un divano, o può essere sostenuto da qualcuno. Questa concessione è valida solamente quando non si hanno altre possibilità, e non potete sedervi da soli!

 

p124-3.gif

 

Quest'esercizio influenza la zona Markab, contribuendo così a risolvere i problemi associati a quest'area (fig. 39-41).

Senza cambiare le gambe, passiamo alla seconda parte “del balletto della Merlaison” (dall’opera i “Tre Moschettieri” di Alexandre Dumas).

 

Massaggio dell'articolazione tibiotarsica.

 

 

 

 

 

 

 


Ascoltate le sensazioni, provate. Accarezzateli.

E ancora una volta, senza cambiare le gambe!

 

Dalla punta del piede fino al naso! Sgranchiamo la spina dorsale

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Ecco. Adesso cambiamo le gambe ed eseguiamo gli ultimi tre esercizi con l'altra gamba (fig. 43).

La farfalla 1

Ancora una volta adagiamo il piede sulla coscia dell'altra gamba e premiamo sempre più sul ginocchio della gamba piegata. Molleggiamo contando: uno, due, tre, quattro... trenta. Ripetiamo l'esercizio con l'altra gamba.

 

p126-2.gif                    p126-3.gif

 

Percepite come i canali siano puliti, le paure ci abbandonano, i complessi psicologici sono risolti ad ogni pressione.

Dove vanno i pensieri? Pensiamo al corpo, ai muscoli, percepiamo delle sensazioni piacevoli. A chi non sorride, adesso, l'autore del libro vuole gettare il martello! (Fig. 44-45).

 

La farfalla 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


La Baddha Konasana Sufi

 

 

 

 

 

 

 

 


Appoggiare i piedi al petto. Inspiriamo, poi ci pieghiamo e contiamo ad alta voce: uno, due, tre, ... dieci... quindici. Tiriamo, tiriamo, tiriamo. Pieghiamoci sempre più! Siamo rilassati e consapevoli delle sensazioni. Raccontatele ai vostri intimi, ma solo quando avrete completato tutti gli esercizi.

Se non riuscite a prosternarvi, agganciate i piedi con le due mani e tirateli. Se Muhammad non va alla montagna, la montagna va da Muhammad! (Fig. 47)

 

Sgranchiamo la spina dorsale

 

 

 

 

 

 

 


Chiudere la porta

 

 

 

 

 

 

 

 


Raddrizzatevi sorridendo. Abbiate un contegno fiero e giocondo. Contiamo ad alta voce fino ad otto. Approfittate del piacere derivante dal cambiamento delle sensazioni di tensione e distensione. Cambiamo la posizione delle gambe (fig. 48).

 

La rotazione dei piedi

 

Ci alziamo in piedi (se siete ancora in grado di farlo). Scuotete un po' i piedi, e adesso ruotiamo i piedi in senso orario e anti-orario. Sentite come il sangue fluisce. Sentite un dolce diletto dopo un lungo sforzo.

 

La rotazione libera del corpo

 

Siamo in piedi dritti. I piedi hanno la larghezza delle spalle. Le mani, simili a delle corde, penzolano lungo il corpo. Giriamo il busto sul suo asse: prima a sinistra fino al suo limite estremo, e poi a destra fino alla sua massima estremità. Ripetiamo uno-due, uno-due. Le braccia svolazzano liberamente e seguono il corpo. Com’è piacevole! Abbiamo la sensazione che le braccia planino. Che cosa c’è di più meraviglioso!

 

La Forbice

 

Sono delle forbici speciali. Quest'esercizio rinforza gli addominali. Siamo seduti, i piedi sono distesi in avanti, la schiena è dritta, le mani si appoggiano sul pavimento dietro la schiena. Solleviamo le gambe dritte formando un angolo tra i 10 e i 30 gradi. Più volte incrociamo le gambe a quest'altezza formando la lettera X. Una volta la gamba destra sta sopra alla sinistra, la volta successiva è il contrario. Contiamo fino a 10-30 volte ad alta voce.

La respirazione è libera.

 

p129-1.gif

 

Adesso solleviamo un po' le gambe in alto, muovendole su e giù, in alto e in basso, anche per 10-30 volte. Teniamo la posizione seduta, e cerchiamo di non cadere di lato!

Nell'esercizio si possono fare delle pause: inspiriamo durante il sollevamento delle gambe, manteniamo le gambe ad angolo (in pausa), ed espirando senza fare movimenti bruschi, facciamo ridiscendere le gambe. Quest'esercizio risolve i problemi degli organi sessuali maschili e femminili (fig. 49).

 

Piegamento in avanti

 

Siamo seduti con le gambe distese in avanti. Le mani sono dietro la testa. Ci pieghiamo verso i piedi. Tendiamo la schiena. Sentiamo la tensione nella regione lombare.

 

Disegnare un cerchio con i piedi

 

 

 

 

 

 

 


Annotazione

Per le malattie ginecologiche e urologiche la respirazione non è trattenuta.

Scrivete il vostro nome con i piedi (una variante dell'esercizio precedente)

 

 

 

 

 

 

 


Adesso solleviamo nuovamente le gambe alla stessa altezza e scriviamo il nostro cognome. Dopo una breve interruzione, bisogna scrivere il nome.

Le gambe formano un angolo di 10 gradi, e non di 50 gradi! Dopo un piccolo riposo, eseguite quest'esercizio un’altra volta (fig. 51).

 

Ponte sulla testa

 

Dalla posizione supina, le braccia sono lungo il corpo (o sono piegate dai gomiti). Inspirando solleviamo lentamente il corpo che si puntella sulla nuca, sui gomiti e sui talloni. Siamo incurvati al massimo, inspiriamo e restiamo otto secondi in questa posizione. Espirando ritorniamo fluidicamente nella posizione di partenza.

 

p131-1.gif

 

Esistono due diverse varianti per compiere quest'esercizio. Nel primo caso, il ponte è fatto appoggiandosi sui talloni e sulla nuca (fig. 52), mentre nel secondo s’inarca solamente il torace, le altre parti del corpo toccano sempre la superficie del pavimento (fig. 53).

 

p131-2.gif

Annotazione

Quest’esercizio mira al miglioramento dell’attività cardiaca.

Pausa di rilassamento

Abbiamo terminato una serie di esercizi. Ci corichiamo supini. Sul volto appare un sorriso entusiasta. Ringraziamo sinceramente il nostro organismo per quest’esperienza. Restiamo due-tre minuti in silenzio. Ascoltiamo le sensazioni interiori. Rammentiamo la “siesta” in un asilo nido. Dopo mezza giornata di schiamazzo e di lotta con le guide della scuola materna, nel pomeriggio ci arrendevamo, e la sonnolenza facilmente ci prendeva. Non dormivamo, ma è possibile che restavamo ad occhi aperti.

Abbandoniamoci e sentiamo profondamente le sensazioni piacevoli che ci investono. Con l'occhio interiore percorriamo tutto il corpo, in ogni lembo troviamo pace e riposo, la pura felicità: nella fronte, nei muscoli del collo, nelle spalle, nelle mani, nei palmi, nei muscoli dorsali, nel plesso solare, nel ventre, nei reni, nei glutei, nel perineo, nelle cosce, nell'articolazione tibiotarsica, nei piedi e nei talloni. Dopo potete farlo in sequenza libera. Sentiamo la pulsazione, la vita, respiriamo piano, con piacere. Mio Dio, che piacere può offrire questa respirazione semplice (o straordinaria?).

Ci alziamo. Avete provato l'orgasmo corporale? Che cos’è? Si tratta di un piacere corporale. Avete sudato? Traspirate bene? Magnificamente?

Adesso saltellate, scrollate le gambe.

Svegliandosi al mattino una persona dovrebbe pensare come “alzarsi” da letto, come prepararsi al giorno imminente. Gli esercizi migliorano l'ingresso nel nuovo giorno, e preparano la persona alle sue incombenze quotidiane.

Ginnastica forte

Dopo aver imparato alcuni esercizi riabilitanti, il lettore potrà padroneggiare la ginnastica forte. Questo complesso di esercizi serve per la pulizia del corpo fisico e per rinforzare la sua struttura muscolare. I Sufi lo chiamano kuvat (in turco kuvvet: forza). Si basa sulla creazione arbitraria in alcune parti del corpo di una sensazione gravitazionale (baricentro) o di tensione, che è sostituita da uno stato di rilassamento e di riposo. Per fare chiarezza, citerò un esempio.

Faremo insieme un piccolo esercizio. Stenderemo davanti a noi una mano col palmo rivolto in alto. Immaginiamo che sul palmo ci sia una sfera di ferro. Il suo peso preme sulla superficie del palmo. Gradualmente il peso aumenta, il carico si appesantisce. I nostri muscoli sono sollecitati sempre più. S’induriscono semplicemente! Ma è necessario ricordarsi che la tensione è innescata coscientemente, mentalmente.

E adesso il peso diminuisce, appena un po', poco a poco. Percepiamo le sensazioni di cambiamento del peso. Se vi sono, significa, che otterremo tutto!

1. Una palla sopra una mano allungata

Alziamoci in piedi, raddrizziamoci, normalizziamo la respirazione. I piedi hanno la larghezza delle spalle, le mani sono sulla costura dei pantaloni.

 

p133-1.gif

 

Generiamo in noi stessi un piacevole stato mukashafa nell'area del plesso solare. Stendiamo la mano destra col palmo rivolto in alto. Immaginiamo che sul palmo sia poggiata una sfera metallica. Il suo peso aumenta incredibilmente sempre più. I muscoli si sforzano sempre più per sostenerla. La mano inizia a tremare leggermente.

 

p133-2.gif

 

Giriamo tutto il corpo a sinistra. Sentiamo la tensione nelle diverse parti del corpo. Giriamolo fino al fondo. Vi dico ancora una volta, girate tutto il corpo: la testa, il collo, la schiena. I piedi restano al loro posto. State in tensione per alcuni secondi. Adesso, mentre sudiamo, ritorniamo indietro.

Il peso della “sfera” diminuisce gradualmente. La respirazione si normalizza.

Lo stesso esercizio è eseguito con la mano sinistra. Solamente che non giriamo a sinistra, ma a destra (fig. 54).

Lo compiamo cinque-sei volte.

 

2. Due sfere sopra due braccia allungate

 

La posizione di partenza è simile all’esercizio precedente: i piedi hanno la larghezza delle spalle, le mani sono sulla costura dei pantaloni. Le due mani sono distese davanti con i palmi rivolti verso l’alto. Immaginiamo che su ogni palmo sia collocata una sfera metallica. Il loro peso aumenta fino a quando non avrete la forza di mantenerle sulle mani. Lentamente allarghiamo le braccia sui fianchi tenendole all’altezza delle spalle senza mollare!

 

p134-1.gif             p134-2.gif

 

p134-3.gif                  p134-4.gif

 

p134-5.gif

Adesso giriamo gradualmente verso sinistra, fino al fondo, tutto il corpo. Stiamo in tensione, e poi giriamo a destra fino in fondo!

Ritorniamo nella posizione “frontale”, stendiamo le mani davanti a noi, diminuiamo il peso delle sfere immaginarie. Espirando abbassiamo le mani sulla costura, ritornando nella posizione di partenza (fig. 55).

Eseguiamo l’esercizio 5-6 volte.

 

3. Il bilanciere con le molle

 

Assumiamo la posizione di partenza: i piedi hanno una larghezza leggermente superiore all'ampiezza delle spalle, la schiena è dritta, le mani sono sulla costura dei pantaloni. Immaginiamo che davanti a noi si trovi un bilanciere molto pesante. Il peso aumenta alle estremità del bilanciere a cui sono fissate delle molle attaccate al pavimento. Abbiamo un certo timore a sollevarlo, ma proveremo ugualmente. Ci prepariamo, inspiriamo ed espiriamo e, ci pieghiamo, afferriamo forte l’attrezzo in prossimità dei dischi. Sentiamo il metallo freddo. Le gambe sono dritte, non si piegano. E ora solleviamo il “bilanciere” fino all’altezza del petto. Sentiamo la tensione nei muscoli. Ci raddrizziamo e solleviamo la barra immaginaria sopra noi stessi. Come nella realtà percepiamo il sudore, la tensione, l’adrenalina che schizza.

 

p135-1.gif                                            p135-2.gif

 

p135-3.gif

 

Abbassiamo il “bilanciere” nella posizione precedente (non bisogna buttarlo!). Sentiamo come le molle “resistono” e tirano il bilanciere verso il pavimento (fig. 56). Fate 5-6 prove.

4. L’anguria.

Assumiamo la posizione di partenza. I piedi sono leggermente più larghi dell’ampiezza delle spalle, le mani sono sulla costura dei pantaloni, la schiena è dritta, guardiamo davanti a noi. Immaginate che a sinistra, a circa 1,5 metri di distanza sopra un tavolo (bisogna un po’ inclinarsi verso di essa) si trovi un’anguria, il cui peso sia approssimativamente di 5-10 kg (sceglietela secondo le vostre forze).

 

p136-1.gif                                       p136-2.gif

 

p136-3.gif

 

Ci inchiniamo verso un’anguria che afferriamo fortemente, la prendiamo dalla superficie di un tavolo immaginario e, premunendoci di non lasciarla cadere, la trasferiamo su di un’altra tavola immaginaria alla nostra destra. Appoggiamo accuratamente l’anguria, e ci rilassiamo.

Ora eseguiamo lo stesso esercizio da destra a sinistra. Sentiamo la tensione in ogni muscolo. Tutto l’esercizio deve essere compiuto come se fosse reale (fig. 57).

Eseguite quest’esercizio cinque-sei volte.

 

5. L’estensore

 

Tutti noi almeno una volta nella vita ci siamo esercitati con l‘estensore, con quest’attrezzo ginnico indispensabile per allungare, sforzandoci. Immaginiamo di avere nelle mani quest’estensore.

Le mani sono all’altezza del torace (o un po’ più in basso). Adesso allunghiamo l’estensore nelle due direzioni opposte, sforzandoci. Percepiamo la tensione nei muscoli delle mani, della schiena, delle spalle, dei glutei e della regione lombare.

Tendiamo l’estensore al massimo per quanto sia possibile. Dopo aver raggiunto la massima tensione, ritorniamo lentamente nella posizione di partenza. La tensione è rimossa gradualmente, non deve essere allentata drasticamente.

 

6. Il cofano dorato

 

Assumiamo la posizione di partenza come nell’esercizio precedente. Immaginiamo che davanti a noi ci sia un cofano dorato dalla forma di un piccolo frigorifero. La sua altezza raggiunge il livello del torace, mentre la sua larghezza è leggermente superiore a quella delle spalle. Questo cofano è protetto da un drago che adesso dorme. Voi dovete dolcemente e impercettibilmente “sollevare” il cofano, e deporlo silenziosamente sul carretto che si trova alla vostra sinistra.

 

 

 

p138-1.gif                               p138-2.gif

 

 

p138-3.gif                          p138-4.gif

 

 

Afferriamo vigorosamente il pesante cofano, la schiena è dritta, sentiamo la tensione nelle mani e negli avambracci. Stacchiamo l’oggetto immaginario dal pavimento e lo portiamo a sinistra ponendolo delicatamente sulla superficie immaginaria.

 

Poi, dopo una piccola pausa portiamo il “cofano” alla nostra destra. L'importante è sentire profondamente la tensione nei differenti muscoli indolenziti da sensazioni reali (fig. 58)

 

 

7. La bella addormenta nel bosco

 

 

Immaginate un cavaliere che ha appena vinto il drago che proteggeva il sogno magico di una dormiente zarina.

 

 

p139-1.gif                                     p139-2.gif

 

 

I piedi sono un po’ più larghi delle spalle. Inclinatevi, e mantenendo le gambe dritte, sollevate una persona immaginaria sopra voi stessi. Solleviamo la “zarina” rispettosamente, con delicatezza e amore. Sentite lo sforzo, ma ad un certo punto capite che il drago astutamente al posto della zarina ha messo un manichino! E voi buttate per terra questo manichino! (Fig. 59).

Noi faremo 2-3 “tentativi.”

Molte donne sono preoccupate per l'eccesso di peso. Naturalmente, eseguendo questi esercizi combinati con altri, si possono perdere 5-6 Kg in nove giorni. Bensì, queste parole sono indirizzate alle persone veramente in sovrappeso. Con l’aiuto della ginnastica forte, voi pulite il tessuto muscolare e recuperate una vitalità globale.